inutile paragonarsi agli altri

Perchè è inutile paragonarsi agli altri

Paragonarsi continuamente agli altri è dannoso e può essere fonte di sofferenza e frustrazione ed è un’attività che fondata su basi irrazionali. Eppure nel corso della vita lo facciamo continuamente. Confrontiamo ogni genere di aspetto della nostra esistenza con la vita degli altri.

Per molti versi è un retaggio della nostra infanzia, quando i nostri genitori facevano il confronto tra noi e i nostri fratelli maggiori, i cugini, i compagni di scuola. Vedi come va a scuola tuo fratello? Come si comporta bene a tavola tuo cugino? Ecc.

Per il resto, paragonarci agli altri è un comportamento che una volta acquisito ci rimane appiccicato addosso e che più o meno continuamente mettiamo in atto. Le cose che confrontiamo sono le più disparate, a seconda di cosa è più importante per noi. Per esempio, ci può capitare di confrontare il nostro modo di vestire con quello degli altri, l’auto, la casa, le amicizie, il modo di parlare, il successo nel lavoro, l’essere in forma, il benessere in genere e così via.

Voglio dirti che paragonarsi agli altri continuamente può essere fonte di sofferenza e frustrazione. In più, è un’attività che si fonda su basi irrazionali. Per comparare qualsiasi tipo di cosa da quelle più materiali a quelle immateriali ci sarebbe bisogno di uno standard, per dire che una certa cosa dell’altro è migliore della mia.

La comparazione è generalmente priva di qualsiasi fondamento obiettivo e quindi del tutto soggettiva. Voglio dirti con questo che la maggior parte delle operazioni mentali che ci portano a dire che l’altro è meglio di noi sono del tutto irrazionali. Agli occhi di qualcun altro i risultati della comparazione che facciamo tra noi e un’altra persona sarebbero del tutto diversi.

Questa irrazionalità della comparazione è evidente qualunque sia l’ambito scelto. Dal modo di vestire al modo di comportarsi, non è così facile come sembra fare una comparazione “scientifica”, le nostre conclusioni sono di conseguenza del tutto personali e spesso sbagliate.

Un altro elemento che rende le nostre comparazioni irragionevoli è quello per cui ci troviamo sempre più spesso a comparare i nostri lati più deboli con quelli più forti degli altri. Come dire, generalmente non prendiamo noi e un’altra persona a caso e compariamo tutte le caratteristiche possibili, vedendo quali sono i punti di forza e di debolezza di uno rispetto all’altro. Il nostro masochismo ci spinge a prendere di noi stessi solo le cose peggiori, quelle più insoddisfacenti per andarle a comparare con le stesse caratteristiche per le quali una certa altra persona eccelle. Oltre ad essere del tutto irrazionale questa pratica è anche l’equivalente dell’andare a sbattere contro un muro. E’ un modo per procurarsi depressione e stress inutili.

Comparare potrebbe anche essere un attività di approfondimento fatta una tantum, invece in genere finisce per essere un compito gravoso per la nostra psiche, capace di succhiare energie che si potrebbero usare per attività più costruttive.

Diciamo pure che a parte la mancanza di un metodo sistematico per farlo, la comparazione della nostra vita con quella degli altri non è una cosa molto seria. Siamo miliardi sulla terra puoi trovare tantissime persone più fortunate di te e tantissime altre meno, rispetto a quello che hai, a come sei, ecc.

C’è da dire che ognuno ha il suo percorso, per cui una cosa e lasciarsi ispirare dalla vita degli altri, per trovare stimoli, una cosa è fare delle classifiche inutili per una cosa tanto complessa come la vita di ciascuno di noi.

La comparazione spesso ci distoglie dai nostri obiettivi, invece per raggiungerli è bene rimanere molto focalizzati.

Questo conta di più nella vita: individuare degli obiettivi operativi per i quali valga la pena impegnarsi, compararci continuamente con gli altri finisce invece per generare frustrazione e invidia. Il risultato è appesantire le nostre vite, sopprimendo la felicità a cui invece dobbiamo aspirare, nella costruzione dell’opera d’arte unica che è la nostra vita.

 

 

Leave A Response

* Denotes Required Field